L'effetto di ormoni dello stress sulla funzione renale

L'effetto di ormoni dello stress sulla funzione renale


L'esposizione a qualsiasi forma di stress innesca attività all'interno dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene. L'aspetto chiave della risposta allo stress è il rilascio del surrene di noradrenalina, adrenalina e cortisolo. Questi ormoni influenzano molteplici funzioni fisiologiche, tra cui quelle di reni.

equilibrio di calcio

Oltre a ridurre l'assorbimento intestinale del calcio, il cortisolo inibisce il riassorbimento del calcio da tubuli renali, che si traduce in perdita di calcio.

Elettroliti e regolazione dei fluidi

Il cortisolo promuove l'escrezione di fosfato da parte dei reni. A concentrazioni sufficientemente elevate, il cortisolo, come aldosterone, provoca ritenzione di sodio e fluido.

Filtrazione glomerulare

Catecolamine, cioè, adrenalina e noradrenalina, causa costrizione dei vasi sanguigni all'interno del rene, che si traduce in velocità di filtrazione glomerulare ridotta e, di conseguenza, ridurre l'uscita dell'acqua urinaria.

ritenzione di sodio

Catecolamine riducono l'escrezione renale di sodio, contribuendo ulteriormente alla ritenzione idrica.

implicazioni

La combinazione di vasocostrizione e aumento del volume del sangue (a causa di ritenzione idrica) aumenta la pressione sanguigna, che può, nel tempo, tradursi in ipertensione cronica. la ritenzione idrica persistente come un risultato di aumenti prolungati in ormoni dello stress possono anche produrre l'edema.

TCM prospettiva

La medicina tradizionale cinese (MTC) riguarda i disturbi all'interno dell'organo di rene, che comprende le ghiandole surrenali e l'intero sistema endocrino, come particolarmente dannoso. I reni sono viste in TCM come origine di Qi, o energia vitale.