Tipi di mobilitazione regimi chemioterapici

Tipi di mobilitazione regimi chemioterapici


Chemioterapia-prodotta mobilitazione è un processo utilizzato per mobilitare le cellule progenitrici ematopoietiche, che sono cellule immature prodotte nel sangue periferico e nel midollo osseo. Quelli prodotti nel sangue periferico sono conosciute come cellule staminali del sangue periferico, o PBSC. Queste cellule eventualmente sviluppare in qualsiasi tipo di cellule del sangue specializzate: globuli rossi, globuli bianchi o piastrine. I farmaci chemioterapici non solo riducono le cellule malate, ma anche aumentare la produzione di cellule staminali nel sangue periferico. Il regime chemioterapico viene somministrato prima di celle di raccolta. Le cellule possono essere raccolte sia dal sangue periferico o midollo osseo, anche se la raccolta da sangue periferico è il metodo preferito. Una volta che le cellule vengono raccolte, sono congelati per dopo reinfusione indietro nel corpo attraverso una linea centrale, dove si innestano nel midollo osseo e si sviluppano in cellule del sangue sane. Questo processo accelera il recupero, riducendo gli effetti da chemioterapia ad alte dosi.

VAD

VAD chemioterapia costituito dai seguenti agenti chemioterapici: V incristine, doxorubicina (originariamente conosciuto come A driamycin) e D examethasone, uno steroide. Questo regime è in genere utilizzato nei casi di mieloma multiplo. Il regime mobilita PBSC con tossicità ridotta rispetto ad altri metodi. In studi di questo regime, i pazienti sono stati mostrati per ottenere successo periferico mobilizzazione delle cellule staminali del sangue.

ESHAP

trattamento ESHAP è costituito da quattro agenti chemioterapici: citarabina, cisplatino, etoposide e uno steroide. Questo regime è talvolta usato come un mezzo standard di preparazione di cellule staminali del sangue periferico. Il regime è considerato anche quando altri metodi si sono dimostrati inefficaci nel raccogliere le cellule. In questi casi, ESHAP consente ai medici un'altra opportunità di estrarre cellule staminali del sangue periferico. Il trattamento viene eseguito in ospedale per un periodo di cinque giorni e richiede una linea centrale a doppio lume per la grande quantità di fluido necessaria per la terapia. Mentre in fase di questo regime, i pazienti ricevono un fattore di droga di crescita che stimola il midollo osseo a produrre più cellule staminali.

GHIACCIO

Il regime chemioterapico ICE consiste in un'infusione di ifosfamide con un bolo di carboplatino e etoposide (ICE). Questo regime è usato in pazienti con linfoma non-Hodgkin refrattario o recidivato di e che sono ammissibili per il trapianto di cellule staminali. Tre cicli di terapia ICE sono espressi per due settimane intervalli prima di raccogliere le cellule progenitrici del sangue periferico. Infusi sono dati nel corso di un periodo di 24 ore per ridurre la probabilità di effetti collaterali. Negli studi, il 66,3 per cento dei pazienti ha avuto una risposta abbastanza favorevole per procedere al trapianto di cellule staminali, ed ha riportato effetti collaterali minimi.