Linee guida per la chemioterapia e Bioterapia

Il termine la chemioterapia può riferirsi a qualsiasi terapia medicinale, ma l'uso comune e l'associazione per il termine si riferisce specificamente ai farmaci utilizzati nel trattamento del cancro. Ci sono oltre 100 diversi farmaci chemioterapici, la maggior parte dei quali vengono somministrati per via sistemica. Questo significa che sono forniti per via endovenosa --- attraverso l'uso di una vena --- e viaggiano attraverso il flusso sanguigno. Alcuni chemioterapia è anche amministrato localmente, o iniettata direttamente nel sito del tumore. Ancora altre chemioterapie vengono somministrati per via orale, in forma di pillola. Chemioterapie possono essere somministrati in combinazione con bioterapie, che comportano l'uso di organismi viventi per aiutare il cancro trattare.

Come funziona Opere

Le cellule all'interno del corpo sono costituiti da tessuto vivente che passa attraverso cinque fasi di sviluppo. Quando una cellula si riproduce, passa attraverso ciascuno di questi cinque stadi di sviluppo. Quando è finito, le due celle (la cella originale e la sua riproduzione) sono esattamente gli stessi. I farmaci chemioterapici impedire alle cellule di riprodursi interrompendo una delle cinque fasi di sviluppo. Purtroppo, i farmaci chemioterapici solito non può dire la differenza tra cellule tumorali e cellule sane, che è il motivo per cui le altre cellule che si riproducono spesso (come le cellule del follicolo pilifero e le cellule del tratto digestivo) sono influenzati negativamente dalla chemioterapia. Il ciclo di riproduzione viene interrotta, causando la nausea, vomito, perdita di capelli e altri effetti collaterali associati con la chemioterapia.

Bioterapia può essere somministrato contemporaneamente con la chemioterapia o prima o dopo la chemioterapia. Bioterapia (chiamato HGF o fattori di crescita ematopoietici) può essere somministrato durante la chemioterapia per contribuire a stimolare la crescita delle cellule staminali del midollo osseo, che possono essere influenzati dalla chemioterapia. bioterapia interleuchine può essere somministrato per contribuire a rafforzare la crescita delle cellule del sistema immunitario distrutto dalla chemioterapia, mentre l'interferone bioterapia può essere somministrato per aiutare anche per stimolare la risposta immunitaria.

Linee guida per la scelta di una chemioterapia / Agente Bioterapia

Un certo numero di diversi fattori andare in scegliendo quale chemioterapia da utilizzare su un paziente. I fattori essenziali variano da paziente e comprendono l'origine del cancro, la fase del cancro, l'età del paziente e la salute generale, e la storia passata del paziente, se del caso, di trattamenti per il cancro. Anche i medici guardano casi del passato, studi medici, e studi clinici per determinare quali farmaci chemioterapici devono essere utilizzati. Spesso, i tumori rispondono meglio ad una combinazione di farmaci, in modo da oncologi guardano combinazioni del passato che hanno avuto successo in circostanze simili.

La bioterapia opportuno accompagnare la chemioterapia, se presente, dipende dal tipo di cancro. Bioterapia è generalmente disponibile per il linfoma o il cancro al seno. L'agente di bioterapia più comunemente dato come parte di chemioterapia per curare il cancro al seno è chiamato Herceptin, e la bioterapia per il linfoma è chiamato Rituximab.

Dosaggio e pianificazione

I medici considerano i dosaggi appropriati della chemioterapia e gli orari per la somministrazione del farmaco. I farmaci chemioterapici sono molto forti e possono avere molte conseguenze negative sul corpo. Dosi più basse hanno meno effetti collaterali e possono essere dati con maggiore frequenza per lunghi periodi di tempo più lunghi senza tassare il corpo. Tuttavia, le dosi più basse potrebbero non essere così efficace a uccidere le cellule tumorali. Dosi più alte possono essere più efficace a uccidere le cellule tumorali, ma non può essere somministrato come spesso perché il corpo ha bisogno di tempo per recuperare tra i trattamenti. Le cellule tumorali possono crescere durante i periodi di tempo necessari per il recupero. Questi fattori devono essere equilibrati al fine di impostare uno schema di dosaggio, che possono avere bisogno di essere modificata se il paziente risponde poco al trattamento o soffre effetti collaterali negativi o le cellule tumorali continuano a crescere.

La somministrazione di bioterapia è ancora in gran parte sperimentale a partire dal 2009, e secondo Danbury Hospital, potrebbe non essere prontamente disponibile come parte di un programma di trattamento del cancro. A partire dal 2009, Danbury Hospital suggerisce che la maggior parte della bioterapia è somministrato come parte di studi clinici o studi di ricerca.

Selezione di un metodo di dosaggio

La chemioterapia può essere somministrato per via orale (in pillole), o applicato localmente (in forma di crema o lozione). Esso può essere somministrato per via endovenosa o iniettata in muscoli, sotto la pelle o direttamente nelle arterie. Può essere infusa nel liquido cerebrospinale o nella cavità toracica, vescica o stomaco. Infine, può essere iniettato direttamente nel tumore. Il metodo di fornire il trattamento dipende dal farmaco specifico e / o il tipo specifico di tumore da trattare.

Bioterapia è generalmente somministrato per via orale, sotto forma di pillola.

Linee guida per la sicurezza

I farmaci chemioterapici possono essere pericolosi per i medici e gli infermieri che entrano in contatto con il farmaco. Essi possono alterare la struttura del DNA o cellule, potenzialmente mettere le persone a rischio per alcuni tipi di tumori, interferire con lo sviluppo del feto nelle donne in gravidanza, e irritare la pelle. Medici e manipolazione di farmaci chemioterapici o gestiscono questo bioterapia infermieri hanno bisogno di usare le precauzioni per evitare il contatto con i farmaci, tra cui indossando guanti, camice e occhiali protettivi. Essi dovrebbero prendere precauzioni per evitare di inalare accidentalmente la droga durante la preparazione del dosaggio. Infine, perché l'urina e feci da un malato di cancro possono contenere farmaci chemioterapici, precauzioni particolari dovrebbero essere prese da operatori sanitari che sono la gestione di questi rifiuti, per qualsiasi motivo.

I medici non sono ancora completamente sicuri degli effetti di biotherapie, tuttavia, il National Cancer Institute non guardia contro eventuali effetti collaterali negativi di entrare in contatto con agenti bioterapia.